image-391

Catania Family Lab

info@cataniafamilylab.it

Vai a Facebook

Cercaci su Instagram

 

COLLEGAMENTI VELOCI


facebook
instagram

Il magazine delle famiglie


facebook
instagram
phone
messenger
whatsapp

Idee, news e informazioni utili

Weekend a Palermo con i bambini: cosa visitare

30-10-2020 08:57

cataniafamilylab

Family News, Family Experiences, musei per bambini, museo gemmellaro, palermo, family experience,

Weekend a Palermo con i bambini: cosa visitare

img2249-.jpg


È un anno molto particolare: con l'emergenza Covid ogni abitudine è stata stravolta così come il nostro modo di concepire vacanze e gite fuori porta.
Da quest'estate tutto è all'insegna del "restiamo in Sicilia" e allora perché non approfittare del weekend per andare alla scoperta del nostro capoluogo di Regione?



Palermo è una città meravigliosa, ricca di luoghi bellissimi da visitare e dove l'offerta per bambini e famiglie non manca.
Eccovi qualche suggerimento per due giorni a Palermo con i più piccoli.


Cosa vedere


I posti da visitare a Palermo non mancano di certo. È una città dai mille volti: ha visto passare numerosissime popolazioni e culture e la sua architettura ne è la prova. Passeggiando per il centro storico questo vi sarà evidente.



Girare per monumenti però per i piccoli potrebbe essere noioso se non sono abituati, ma se ai vostri giri affiancate questi luoghi che vi suggeriamo sicuramente farete centro e Palermo sarà indimenticabile anche per loro!


Museo Geologico Gemmellaro


Quando si pensa ai musei spesso si pensa a luoghi noiosi, ma non è questo il caso. Il Museo Geologico Gemmellaro è una perla dell'offerta musearia dell'Università di Palermo: un progetto portato avanti dal Dipartimento di Scienze della Terra e del Mare e sostenuto dai suoi studenti.



Saranno proprio loro ad accompagnarvi nella visita guidata: parlano da appassionati e con linguaggio semplice e il museo è ricco di esperienze interattive.



Si inizia entrando dentro la riproduzione di una camera magmatica: il simulatore con luci, immagini e suoni vi farà entrare dentro un vulcano proprio durante l'inizio di una eruzione. Vedrete il magma scaldarsi, la pressione salire.



Poi ci sono i fossili e i minerali: tutto il piano terra è dedicato alla storia geologica della Sicilia. I bambini potranno vedere l'evoluzione che ha portato la nostra isola a diventare tale: come i nostri territori siano passati dall'essere fondale marino a terra emersa.



Potranno vedere la ricostruzione della dentatura completa di uno squalo megalodonte: una specie estinta che era 20 volte più grande dello squalo balena, la specie più grande attualmente vivente! La dentatura è la più grande al mondo e come gli altri reperti presenti nel museo deriva dagli scavi archeologici che si sono susseguiti in circa 150 anni.



Il simulatore dà al visitatore la sensazione di essere letteralmente ingoiati dallo squalo, come Pinocchio dalla balena! Per i più piccoli potrebbe essere pauroso, ma i grandicelli ne resteranno elettrizzati!



Gireranno tra le teche con le ricostruzioni dei fondali marini preistorici a caccia di ammoniti ed entreranno nella grotta di Thea la prima donna siciliana.
Uno dei piani del Museo Gemmellaro, infatti, è dedicato alla grotta di San Teodoro e allo scheletro di donna primitiva ritrovato proprio ad Acquedolci e risalente all'era paleolitica superiore.



E poi c'è l'ultimo piano, quello dedicato agli elefanti nani di Sicilia, ormai estinti e i cui scheletri hanno fatto nascere la leggende dei ciclopi, giganti da un occhio solo.



Insomma , non c'è il mega T-rex del Museo di New York (anche perché proprio nella visita imparerete che la Sicilia all'epoca dei dinosauri non era ancora emersa dalle acque), ma la visita al Museo Geologico Gemmellaro è davvero da non perdere!



Il museo è aperto dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 17:00. Il sabato solo al mattino dalle 9:00 alle 13:00.


I parchi pubblici dove giocare


A differenza di quello a cui siamo abituati, Palermo è piena di posti all'aperto dove poter correre e giocare.
Il Parco della Favorita è un parco urbano incredibile fantastico per pic nic e lunghe passeggiate. E lo stesso vale per il Foro Italico, la lunga passeggiata nel verde che costeggia uno dei lungomare di Palermo.



Ma ci sono due parchi che pioù di altri sono perfetti per i più piccoli :



Parco della Salute
Situato proprio alla fine del Foro Italico è un parco giochi di recente costruzione e tenuto benissimo con giochi adatti a grandi e piccini.
Occhio agli orari!
Il lunedì è chiuso, la domenica è aperto dalle 8:00 alle 13:00 e il resto della settimana dalle 8:00 alle 17:00.



Da Parco della Salute arrivare in via Vittorio Emanuele è un attimo: la strada è tutta ztl e porta nel pieno del centro storico palermitano.



Parco Uditore
Usato dai Palermitani per fare sport, è uno dei parchi più frequentati anche dalle famiglie: ci sono i giochi e i sentieri da percorrere anche in bicicletta!


Dove mangiare


Lasciando perdere la diatriba arancino/arancina, ci sono due cose che DOVETE necessariamente assaggiare se andate a Palermo: il panino con le panelle e la cassata.



E ci sono due posti che sono il top per queste due bontà gastronomiche:


Friggitoria Chilluzzo in piazza della Kalsa


A due passi dal Foro Italico, la Friggitoria Chilluzzo è il classico chioschetto da street food: oltre alle panelle potrete scegliere anche tantissime altre cose e c'è la comodità dei tavolini sulla porzione di piazza sulla quale si trova la friggitoria.
In pochi minuti potrete poi raggiungere Villa Giulia e l'Orto Botanico.


Pasticceria Oscar a due passi da Parco Uditore


Il meglio della pasticceria palermitana e a dirlo sono i palermitani stessi: alla Pasticceria Oscar il top del top è sicuramente la cassata alla ricotta con i canditi, ma se andate di mignon potrete assaggiare tantissime varietà e i dolci alla ricotta palermitani sono una bontà assoluta.
Ideale dopo aver giocato e passeggiato a Parco Uditore!


Dove alloggiare


Fino al 31 di dicembre è possibile richiedere e sfruttare il Bonus Vacanze. Se non ne avete ancora fatto richiesta leggete l'articolo scritto dalla nostra Maria Francesca Consoli e poi date un'occhiata a questo sito per scoprire quali strutture lo accettano.



Se non potete usufruirne - o ne avete già approfittato per le vacanze estive allora - vi consigliamo un Bed&Breakfast in zona Giardino della Zisa.
Si chiama Eureka B&B: Silvia, la titolare è molto disponibile, il prezzo è onesto e il B&B è curato e molto pulito. Unica pecca il parcheggio, ma nella parallela c'è un parcheggio custodito a giornata quindi il problema è facilmente risolvibile.


Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder